Si, in questi giorni sono in fissa con i film ed il cinema in generale e con questo? Ahahah. Beh, non hai molto da fare quando hai una gamba ingessata, una casa invasa dai parenti e fuori il maltempo dilaga.

Così, mentre le nonne si distraggono tra la cucina, quattro chiacchiere ed i vari supermercati e negozietti del circondario, io ed i nonni siamo perennemente piazzati davanti alla tv. 

In realtà sono stata sfrattata dal mio stesso studio. Mi ero piazzata sul divano letto ubicato in quella stanza, che si trova alle spalle della sala (ah, non vi ho detto che alla fine avevo optato per una sala grande la metà, per poter avere uno studio dove rinchiudermi quando ho voglia di leggere un buon libro e dove hanno trovato posto tutti i numerosi libri che possiedo… una piccola libreria insomma… il sogno di noi lettori/scrittori), ma i nonni hanno preferito chiudersi lì. Visto che grazie alle porte scorrevoli possono isolarsi dal chiacchiericcio delle donne, passano la giornata a discutere di politica, economia, sport… insomma il maschio medio. 

Ah, parentesi, le nonne sono entusiaste della casa e mi hanno già detto che se avessi problemi nel pagarmela, mi aiuterebbero ancora. Nonostante tutti i sacrifici fatti per una vita intera, sarebbero disposti a farne ancora, a patto che mi trovi un buon partito che mi aiuti a riempire la casa di marmocchi. Sempre così le donne di una volta. Eheheh.

Ma torniamo a bomba. Dopo giornate passate a guardare commedie romantiche, tanto da influenzare anche i miei sogni, come racconto in un precedente post che potrete trovare a questo link, oggi avrei voglia di commedie natalizie. A volte i due generi si sovrappongono, tipo Love Actually (a proposito devo rivederlo), così avendo l’imbarazzo della scelta, mi sono affidata a google, avrei deciso in base alla locandina. Ma digitando “commedie natale” ecco che mi appare un articolo di Repubblica

Ecco che si informa il lettore che le commedie natalizie di quest’ano stanno registrando un clamoroso flop… e meno male oserei dire. Si, i classici della polemica direbbero che dovrei vergognarmi, perché quei tipi di film danno lavoro a tanta gente. Io replico, se finalmente il pubblico inizia a capire che si tratta sempre di prodotti scadenti e cerca altro non è per forza un male. Magari si cercherebbero nuovi tipi di sceneggiatori che proporrebbero prodotti validi, riportando la gente al cinema

Che poi in realtà la gente al cinema ci va. Se sommassimo tutti i vari incassi in una settimana, vedremmo che il pubblico esiste, nonostante la crisi. Semplicemente sono usciti 3 cinepanettoni, altri due film erano usciti nelle settimane precedenti ed a gennaio avremo anche quello di Siani. Insomma, troppa roba e pure scadente in quasi tutti i casi.

Certo, perché fare autocritica? Perché pensare che forse si è esagerato con questo filone, rincorrendo facili guadagni, la colpa è certamente di Rogue One o di Miss Peregrine, che hanno fatto furore al botteghino.

Comunque, è inutile, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. E voi, siete tipi da cinepanettoni a dicembre? Quali sono i film natalizi che riguardate sempre in questo periodo? Io a parte l’onnipresente The Holiday, il sempreverde Mary Poppins, stranamente le altre due pellicole che riguardo durante le feste, non hanno a che fare col Natale. Sono Il Diavolo Veste Prada e Julie & Julia. Aspetto i vostri, così magari mi date un minimo di ispirazioni per le prossime visioni.

 

Annunci