…e lentamente la mia vita ritorna ai ritmi normali o quasi. Son rientrata a lavoro e non potete immaginare l’imbarazzo di stare nella stessa stanza con Lory e la bisbetica. Lui che cerca ogni pretesto per restare anche solo un secondo da soli per parlare di quanto accaduto, io che striscio via peggio di un pitone e la bisbetica che drizza le antenne, quasi ad aver capito che nascondiamo un segreto.

Nella mia vecchia casa è un manicomio, Elena se potesse porterebbe con se anche un ulivo secolare, se pensasse che possa esserle utile. Le ho passato anche la capra, la madre ha chiesto di poterla seguire di tanto in tanto, per far sì che non ricada nel vecchio vizio. In compenso io ho acquistato due nuove “clienti” nel palazzo dove mi trasferirò. Angie sta spargendo la voce e se non si ferma, dovrò dare ripetizioni anche di notte, per poter seguire tutti. Per fortuna che ora sarò più vicina al lavoro.

Ma le note dolenti ci sono, primo i mobili, la casa è pronta, me l’hanno consegnata proprio ieri. eppure pare che a causa del periodo di ferie appena trascorso, i miei mobili non sono nella disponibilità e dovrò aspettare ancora qualche settimana. Per una volta che l’impresa aveva finto il lavoro prima del tempo.

Altra nota dolente, manco a dirlo, Lory. Si ok, è stato un weekend di straordinaria follia, ma non riesco a togliermelo dalla mente. Per carità, non è stato il mio miglior amante, ma il più instancabile si. Non facevo in tempo a farmi una veloce doccia che già ripartiva a carburare. Il fatto è che non so se riuscirò a trattenermi a lungo, o meglio non garantisco. Però mi rendo conto che sono una merdaccia cattiva anche solo a fantasticare sull’idea.

Uh, le utenze, cavolo solo ora ho ricordato che devo fare il trasloco anche di esse e di trovare delle offerte altrettanto valide per Elena e gli gnomi.Ma dove avrò mai la testa?

Meglio tuffarmi su una maratona serial, va… ho bisogno di non pensare. Quale sto seguendo in questo momento? The client list. Non un capolavoro, io avrei optato per scelte diverse, riguardo la trama. Quest’estate non sono stata prolifica come gli anni precedenti. Ho visto la prima stagione di Blindspot, ho ricominciato d’accapo Un medico in famiglia, ma l’ho interrotto, sperando di avere tempo in Puglia e così non è stato. Ho ripreso e finito Fringe, una gran delusione. La prima stagione mi faceva impazzire, ma man mano che le puntate scorrevano via, si è trasformato in un’accozzaglia di assurdità. E basta così, credo di non averne dimenticato nessuna. Mi ero ripromessa di riprendere e finire altre serie abbandonate negli anni. Tipo: Medium, The Tudors, Nip/Tuck, Ris, Romanzo criminale e Royal Pains ad esempio. Forse ho preteso troppo da me stessa, ma ne ho così tante da recuperare, dimenticate negli anni. Poi volevo rivedere anche un paio cartoni animati della mia infanzia. L’estate scorsa avevo rivisto Il grande sogno di Maya, Hillary e Candy Candy. Avevo provato a rivedere i puffi, ma mi sono fermata prima di finire la stagione numero 1. Ovviamente non appena avrò finito di guardare le avventure di Riley (mi mancano 6 episodi ancora), già mi aspetta la seconda stagione di Narcos, me ne sono accorta la notte scorsa e non sto già nella pelle.

Vabbè, vado a vedere se riesco a terminare The client list. Notte notte bimbi.

Annunci