Sono, anzi siamo, appena rientrati a casa… o meglio, Paolo sta già ronfando, io sto ancora sistemando. Si avete capito bene, quando mia madre mi ha informata che una semplice valigia frigo non sarebbe bastata a contenere tutto quello che le nonne stavano preparando per portarmelo a Roma, ho chiesto consiglio a Paolo. Dopo un giro di telefonate, mi ha informata che sarebbe sceso con un furgoncino frigo, avete presente quello della consegna del sushi a domicilio? ecco, le dimensioni erano quelle. Meno male che, essendo scesa in aereo, avevo portato solo uno bagaglio a mano, per effetti personali, tanto a casa ho sempre qualche vestito, proprio per viaggiar leggera.

orecchiette-cime-rapa

 

Ovviamente ai miei l’ho presentato come un amico che mi faceva il favore e così siam dovuti rimanere fino ad oggi, per ospitare degnamente anche lui. Vabbè, metterlo all’ingrasso come un vitello. Notate la quantità di olio nel piatto mangiato oggi a pranzo. Devo dire che Paolo non si è mai tirato indietro, ha fatto onore alla tavola fino all’ultimo, per la gioia dei miei. Approfittando di lui e furgone, siamo andati in giro ad acquistare latticini, salumi e leccornie varie, non solo per casa mia, ma già che c’eravamo, anche il necessario per organizzare una serata pugliese al locale. Lui ha anche preso tutti i contatti, se la cosa dovesse andare bene, magari la riproporrà una volta ogni tanto.

carpignano-rosticceria-vadoper-ginosa-puglia-12

Ovviamente siamo passati anche da Elena, ma con scarsi risultati e dai suoi genitori. Ci hanno raccontato che li attendevano, lei e tutta la famiglia, sia per Pasqua, che per Pasquetta, ma ad una certa, vedendo che non si presentavano e non rispondevano al telefono, han preso le vivande e si sono recati a casa della figlia. Nonostante ci fossero le loro auto parcheggiate e quelle dei suoceri, nessuno ha risposto loro al citofono. Volevo fare un appostamento ed aspettare che la mia amica uscisse per braccarla e portarla alla ragione, ma Paolo mi ha fatto desistere, dicendomi che se si fosse sentita sotto attacco si sarebbe chiusa ancor di più, di non abbandonarla, ma di non imporre la mia presenza a forza. Non sono per niente tranquilla ed ho un brutto presentimento.

tiella-barese

 

Ah, dimenticavo, Paolo è costretto, come me a prendersi le ferie tra il 22 aprile ed il 2 maggio, ovviamente il locale resterà comunque aperto, i nonni non hanno voluto sentir ragioni. Al grido di: “Chissà quanto poco ci resta da vivere”, ci hanno incastrato.Mentre tornavamo verso Roma, Paolo mi proponeva un’idea per il ponte del 2 giugno. Se riesco a convincere mio padre a prendersi qualche giorno di vacanza, si potrebbe affittare una grande villa, per ospitarli tutti e far passare a loro dei giorni da turisti. Credo sia un’impresa, ma ci proverò. Ovviamente abbiamo fatto così tardi perché prima di rientrare, siamo passati dal gastropub di Paolo, per scaricare la sua merce.

monacelle

Ed ora mentre lui ronfa, io sporziono, sigillo e metto a congelare tutte le verdure preparate dalle nonne combattendo per incastrare il tutto al meglio e renderlo, al contempo facilmente reperibile, senza dover svuotare sempre tutto, per poter prendere qualcosa all’abbisogno.

DSCF6043

Per fortuna domani entrambi non lavoreremo, altrimenti saremmo degli zombie. Nonostante tutto ho ancora un fottio di giorni di ferie arretrate, tanto che credo che a differenza dei colleghi, io agosto lo farò interamente in vacanza. Ora basta, sono stremata, infilo tutto a casaccio in frigo e ci penserò tra qualche ora a finire, ora ho bisogno di ronfare. Notte notte.
sito internet

Annunci