Ok, ce lo aspettavamo che sarebbe stata una cena “salata”, ma non fino a questi livelli. Eravamo in diciotto e vi dico solo che alla fine avevamo più fame di quando siamo arrivati. Ci hanno offerto degli assaggini per iniziare, con l’intesa che dopo avremmo ispezionato il menù per scegliere come proseguire la cena. Posso dire che se ci siam divertiti è stato solo per la nostra compagnia reciproca? Di certo lo spettacolo promesso e che tutte le recensioni decantavano, ha tradito le aspettative.  Diciamoci la verità, avevamo scelto questo locale proprio perché volevamo passare una serata diversa, altrimenti saremmo andati in una fraschetta ad Albano o ad Ariccia. Avremmo voluto deliziarci con piatti nuovi e divertirci con le performance delle danzatrici del ventre. Invece le placche che venivano poste al centro della tavolata erano mezze vuote ed al loro interno trovavi solo un po’ di hummus, o una dadolata di pomodori e aglio ed in un’altra placca dei legumi misti. il tutto, assolutamente non sufficiente a che ognuno di noi potesse assaggiare. Poi ci han servito dieci falafel e ricordo che eravamo diciotto. Subito dopo, forse per non far rendere conto agli avventori di quanto li stessero perculando, ecco che entra una ragazza ed inizia l’esibizione. Beh, mia nonna mezza anchilosata, avrebbe saputo ballare meglio di lei. Conosceva solo tre movenze e le ripeteva a rotazione. Neanche gli uomini presenti al loro tavolo, che avevamo sfottuto per l’occasione, son sembrati attratti dalle movenze della signorina. Solo un tavolo si è particolarmente divertito. Stavano festeggiando un anniversario di matrimonio ed il marito, appartenente ad una di quelle famiglie cafone, ma con disponibilità economiche, ha pensato bene di tentare di mettere dei soldi nel reggiseno della ragazza, la quale presa dall’imbarazzo, ha preso i soldi dalle mani dell’uomo e le ha incastrate sul bordo della gonna. Ma l’uomo non era contento  tutti i suoi amici e parenti al tavolo lo incitavano, meno la moglie ovviamente, vistosamente contrariata. Così ha tentato di offrire una coppa di spumante alla ragazza, la quale distratta non si stava rendendo conto che l’uomo ritentava l’approccio dei soldi nel reggiseno. A quel punto lo spettacolo, se così lo vogliamo chiamare, si è concluso e la ragazza è stata pesantemente redarguita dal proprietario del locale. Quindi ci son stati portati i menù e lì l’amara sorpresa, i prezzi non erano alti, nooo… a confronto l’Everest è una collinetta. Siamo stati così costretti a chiedere il conto, che ovviamente hanno tardato mezz’ora prima di portarcelo. Nel frattempo ogni tot venivano a chiederci se avevamo cambiato idea e se gradivamo dell’altro.

In conclusione? 20 euro a testa per non aver mangiato nulla e ci siam dovuti fiondare al primo Mc Donald disponibile (malgrado non sia vero cibo) e con meno di dieci euro a persona siamo usciti rotolando. Ovviamente abbiamo concluso la serata da Paolo, il quale si è detto divertito dall’idea della danza del ventre, sussurrandomi all’orecchio che non gli dispiacerebbe vedermi in quegli abiti e quelle movenze. Prossima volta fraschette di sicuro, cibo fino a sfondarsi, vino a volontà (dimenticavo che i 20 euro a persona non erano giustificati neanche dalle bevande, avendo ordinato solo dell’acqua) e divertimento a profusione.

sito internet

Annunci