Domenica pomeriggio da spatasciati sul divano. Ieri, son andata in giro in cerca di un costume per la festa di settimana prossima. Alla fine ne ho trovati e presi due, ho trovato delle foto sul web per farveli vedere.

Inizierò con uno,penso con Vedova nera durante la cena (si sa che son maldestra a tavola e potrei sporcarmi, poi se ne sento la necessità (ad esempio per macchie, sudore o scomodità) metterò la principessa Leia scosciata. Devo dir la verità, mi sento in imbarazzo con entrambi gli abiti, ma con tutti quelli provati stavo malissimo, gli unici decenti erano questi due (tra l’altro, se ne dovessi usare solo uno, l’altro posso tenermelo buono per il prossimo Halloween, quando ci sarà sicuramente qualche simpaticone che mi inviterà, nonostante la mia avversione totale verso il travestimento.

Dopo di che, prima di rientrare a casa, son passata dal locale di Paolo, prima che aprisse. Posso confessarvi una cosa? Mi ha portato al piano superiore del locale (carino, parquet e arredo in legno chiaro e foto di film girati a Roma alle pareti), mi ha attirato a sè e bloccata lungo la parete e lì mi ha ricordato il perché mi piacesse andar in quel posto. Per non parlar del fatto che i due piani possono comunicare tra di loro non solo a causa della scalinata, ma anche per delle aperture ampie, circondate da vetrate per non cader giù. Quindi abbiam corso anche il rischio di esser visti dal suo personale, in realtà non so neanche se siam stati beccati, troppo presa com’ero dalla situazione, con lui che mi tappava la bocca per non farci sentire. Credo che questa sveltina sia stata seconda solo a quella nell’androne di casa mia. Mi ha anche pregato di restare fino alla chiusura, ma ero troppo stanca per farlo. Così son tornata a casa ho preparato la teglia con dello sgombro, patate, pomodorini ed olive nere, di modo da poi accendere il forno più tardi, nel frattempo la vasca da bagno si riempiva di acqua caldissima e schiuma profumata. Ho posizionato il pc sullo sgabello del bagno, acceso tutte le candele, spento la luce ed immersa nella vasca, rilassandomi mentre guardavo in streaming puntate di Chuck.

Ci voleva proprio, mentre mi asciugavo e rivestivo, il pesce cuoceva in forno, mi son seduta in sala, utilizzando il solito tavolino per cenare, appena in tempo per l’inizio della puntata di C’è Posta Per Te. Posso dire che a parte le prime due puntate, in cui c’erano personaggi discutibili che creavano polemiche, che si trascinavano per l’intera settimana successiva, ultimamente le storie son scialbe a confronto? Vi dico solo che ogni tanto facevo zapping tra raitre, per seguire Volo in Che Fuori Tempo Che Fa, e italia uno per l’Era Glaciale. L’unica storia che mi ha dato un guizzo è stata la vecchia allupata, che cercava un vecchio flirt giovanile. Lei che ha cambiato più uomini che tinte di capelli, strappava dei sorrisi, anche se era evidente che cercasse l’ennesimo pollo da spennare.

Ora sono sul divano, come dicevo prima, con Paolo a seguir le partite, io con un occhio al live del fantacalcio, lui che organizza la festa di carnevale per il locale (dovrò trovar una scusa per non andarci, senza dovergli dire che sarò da Lorenzo). Stasera cinema con le ragazze, i loro uomini e Paolo che si è autoinvitato. Vedremo Joy e mangeremo all’Old Wild West lì vicino. Uhm, devo ancora depilarmi e docciarmi, oggi voglia zero. Voi? Che fate?

 

sito internet

Annunci